Decreto Legge n. 30 del 13 marzo 2021

Disposizioni per le festività pasquali 

In considerazione della maggiore diffusività del virus e delle sue varianti e in vista delle festività pasquali, al fine di limitare ulteriormente le possibili occasioni di contagio, il Decreto legge n. 30 del 13 marzo 2021  stabilisce misure di maggiore intensità rispetto a quelle già in vigore, per il periodo compreso tra il 15 marzo e il 6 aprile 2021.

Nei giorni 3, 4 e 5 aprile 2021, su tutto il territorio nazionale, si applicano le misure stabilite  per la zona rossa. Sarà permesso dalle 5 del mattino alle 22 della sera raggiungere nell'ambito della propria regione una sola abitazione di parenti o amici, una sola volta al giorno, massimo in due e accompagnati da figli minori di 14 anni. Resta in vigore, anche in zona rossa, la possibilità di raggiungere, da soli, persone non autosufficienti che necessitino di aiuto o assistenza, che non abbiano altre persone che possano occuparsene.

Non sarà possibile pranzare al ristorante, ma sarà consentito l'asporto e la consegna a casa fino alle 22. Resta vietato consumare nei pressi del locale. L'asporto dai bar è invece permesso solo fino alle 18.

Lo spostamento nelle seconde case è sempre consentito, anche a Pasqua, sia in fascia arancione che rossa. Ma con queste regole: si può spostare solo il nucleo familiare convivente (senza l'aggiunta di parenti o amici), la seconda casa non deve essere abitata da altre persone, è provare che la casa è di proprietà o in affitto a lungo termine (con contratto stipulato prima del 14 gennaio 2021).

Passeggiate e sport all’aperto. Nelle zone rosse, anche a Pasqua è consentito svolgere attività motoria individuale nei pressi della propria abitazione, rispettando il distanziamento di un metro e indossando la mascherina. È permesso svolgere attività sportiva solo all'aperto e in forma individuale.

Sono sospese le attività di palestra e piscina.

Chiusi musei e mostre.

Chiusura di parrucchieri e centri estetici.

È possibile partecipare alla S. Messa nella chiesa vicino casa, evitando assembramenti.

Il 27 marzo scade il divieto di spostamento tra le regioni ma la misura resterà in vigore di fatto fino al 6 aprile 2021

Decreto legge n. 30 del 13 marzo 2021

Autodichiarazione per spostamenti

Ultimo aggiornamento: Ven, 02/04/2021 - 13:28